• Benvenuti nel sito del Viareggio Beach soccer.
  • CAMPIONI D’EUROPA NEL 2016
  • CAMPIONI D’ITALIA NEL 2016
  • Vincitori DELLA Coppa Italia NEL 2012 e NEL 2016
  • Vincitori della Supercoppa italiana NEL 2018
  • …a casa mia c’e’ tutto !!!
  • MATTEO VALENTI BEACH STADIUM VIAREGGIO
  • Email sito : viareggiobeachsoccer@libero.it
  • TUTTE LE NOTIZIE SUL BEACH SOCCER
  • VIAREGGIO BEACH SOCCER

Viareggio cede anche a Bibione. Seconda sconfitta consecutiva.

Seconda sconfitta consecutiva per il Viareggio beach Soccer che ancora una volta ha dimostrato di subire troppo il campo piccolo sull’adriatico. Mister Santini con la qualificazione in tasca ha approfittato per effettuare degli esperimenti tecnici anche in proiezione futura. La gara è stta caratterizzata da un vento fortissimo che ha condizionato l’incontro. Nel primo tempo il Bibione in favore di vento si è portato sul 2 a 0 con due tiri da fuori area. Il primo si è insaccato mentre il secondo bloccato a terra da Carpita è stato poi buttato in rete calciando la palla nelle mani del portiere. Il primo arbitro ha fischiato la punizione in favore del Viareggio, il secondo il gol. Ha deciso il secondo!! Nella ripresa il pareggio bianconero grazie alle reti di Gori su girata  e di Simone Marinai su tiro libero. Nella terza frazione ancora contro vento il Bibione ha approfittato delle tante conclusioni sbagliate dei viareggini per portarsi prima in vantaggio e poi allungare fino al 6  a 2. Nel finale, con il cuore più che con la testa, il Viareggio ha prodotto  solo il gol del 6 a 3 ancora di Gori. Da segnalare l’esordio in Serie  fra i bianconeri di Stefano Marinai, (classe 1993) messo in campo da Stefano Santini Un premio questo a tutto il movimento di beach soccer della Marina di Levante che ha portato un altro suo atleta ad esordire nella massima serie dopo le positive recenti apparizioni al Beach Stadium di Viareggio.
Con questo risultato, il Viareggio Beach soccer scende al terzo posto in classifica, superato da Milano e Lignano. Domani, in pratica, Colosseum e Viareggio nell’ultima gara di qulificazione si giocheranno il terzo o quarto posto per le finali di Ostia utile solo per stabilire gli accoppiamenti della poule scudetto. Il mister, Stefano Santini, non appare preoccupato più di tanto e dice: Dovevo fare degli esperimenti e fare alcune valutazioni che mi serviranno in proiezione futura. La sconfitta e la classifica non mi preoccupano, siamo  fra le prime otto migliori formazioni d’Italia, anche se nessuno ci dava fra i possibili fianlisti.  Ci siamo anche noi e a  questo punto primi o quarti poco cambia…. chi ci tocca ci tocca. E sarà comunuqe un avversario temibile, attrezzato e fortissimo non c”e’ dubbio. Noi dovremo metterci tecnica forza, motivazione e tanta testa . Poi vedremo.

Il commento ufficiale:

BIBIONE – VIAREGGIO 6-3 (2-0, 0-2, 4-1)

Bibione : Samsa, Livon, Cudin, Wellington, Ddi, Soria, Tel, Sansica, Zonca, Bon; All. Sabalino
Viareggio: Carpita, Marrucci, Romanini, Di Tullio, Marinai Simone, Valenti, Gori, Di Palma, Diridoni, Marinai Stefano.
Arbitri: Valgiusti di Forlì e Bertoli di Latisana
Marcatori: 1’pt Ddi (B), 8’pt Wellington (B), 4’st Gori (V), 5’st Marinai (V), 3’tt Soria (B), 4’tt Ddi (B), 6’tt Ddi (B), 7’tt Wellington (B), 11’tt Gori (V)

Buona partenza di Viareggio. Marinai scalda subito i guanti di Samsa con una sciabolata da centrocampo. Ma anche Bibione è in palla. Pochi istanti dopo il sinistro di Ddi porta in vantaggio i veneti. All’8′ arriva il raddoppio: colpo di tacco di Soria per Wellington che spinge il pallone in rete travolgendo Carpita. Viareggio vorrebbe la punizione, gli arbitri convalidano il punto. Viareggio per recuperare terreno si affida al suo cannoniere Gori e a capitan Marinai, che vanno a segno al 4′ ed al 5′ della seconda frazione. Completata la rincorsa dei bianconeri però Bibione prende a pungere con insistenza. Affidandosi all’estro di Ddi, alla potenza di Wellington ed alla classe di Soria, vede il suo vantaggio crescere con il trascorrere dei minuti nella terza frazione. Prima della fine del match c’è ancora tempo per la marcatura del solito Gori che ha il solo effetto di limitare i danni di una nuova sconfitta.