• CAMPIONI D’EUROPA 2016
  • CAMPIONI D’ITALIA 2016
  • Vincitori della Coppa Italia 2012 e 2016
  • I ragazzi del muraglione.
  • Tutte le notizie sul Beach Soccer
  • Benvenuti nel sito del Viareggio Beach Soccer
  • MATTEO VALENTI BEACH STADIUM VIAREGGIO
  • Email sito : viareggiobeachsoccer@libero.it
  • V I A R E G G I O B E A C H S O C C E R N E W S
Work Shop a Dubai : In arrivo tante novità interessanti.

Work Shop a Dubai : In arrivo tante novità interessanti.

Molte le novità per  beach soccer nelle notizie che arrivano da Dubai dove si è tenuto il work shop internazionale nell’ambito della Huawei Intercontinental cup. Alcuni stralci dei vari interventi.

Joan Cusco (vicepresidente esecutivo, BSWW: “Ogni occasione creata è un nuovo passo per lo sport. A volte facciamo passi diversi ma ognuno aiuta a migliorare e garantire il progresso.

“Alla FIFA,  tutti i concorsi sono stati riesaminati e il beach soccer non è un’eccezione. Lo sport è stato analizzato e si ha persone che amano e altri che non lo fanno: c’è stata incertezza ma la buona notizia è che Il presidente della FIFA ha partecipato ai mondiali nelle Bahamas, ha visto ed amato il gioco.

“Inoltre ha visto il valore del gioco stesso, le competenze e le tattiche degli allenatori.Il risultato finale del vertice è che le 135 associazioni nazionali coinvolte nello sport hanno sostenuto il calcio di spiaggia così  come il futsal. Nell’ultima settimana a Calcutta c’è stato il consiglio e il Consiglio FIFA ha annunciato il beach soccer al 100 per cento all’interno della FIFA e all’interno del programma.

 Così dal 2018 al 2024, il calcio da spiaggia è nel programma delle competizioni FIFA e siamo riusciti ad approvare la Coppa del Mondo per il 2019 che rimarrà ogni due anni. I World Beach Games avranno luogo anche a San Diego in California nell’ottobre 2019 ed il  beach soccer è una parte fondamentale di questi.

 Pierce O’Callaghan, Consulente Senior per i Giochi Europei: “Per il CIO e l’EOC, abbiamo voluto utilizzare  i Giochi Europei come un trampolino di lancio per nuovi sport che speriamo di inserire  nelle prossime Olimpiadi, nei  Giochi del 2015, compreso il beach soccer  e, due di questi,  saranno lo sport olimpico a Tokyo nel 2020. Così pare veedersi la luce alla fine del tunnel. “Abbiamo avuto ritorni  da 45 sport in modo da poter vedere come siano competitivi, ma il EOC pesa il valore di ogni sport e il calcio da spiaggia è uno dei 15. Questo dimostra che il beach football è una parte molto importante della famiglia olimpica europea . “Minsk è pronto ad accogliere il calcio da spiaggia ai Giochi Olimpici Europei”.

Gabino Renales, vicepresidente BSWW sul calendario 2018 (Foto a sin.):
“In questo modo, abbiamo più di 30 eventi nel calendario per il prossimo anno in più di 20 paesi, presenti in tutti e cinque i continenti con più di 130 squadre nazionali. Abbiamo anche cercato di mantenere un numero di fine settimana libero per i campionati nazionali in modo che non si scontrano con i concorsi internazionali “.

Interessante la tavola rotonda sui vincoli allo spostamento dei giocatori nei vari  campionati:

Madjer (Foto a dx): “Per noi giocatori è difficile rimanere con un solo club , i tornei sono corti in Europa e in più di tre o quattro partite. Ma è anche difficile, come organizzazione, per  vedere in una partita ungiocatore per ci andiamo avanti una settimana dopo. “È la nostra vita, ma credo che il punto fondamentale è che le federazioni organizzano concorsi più grandi e più concorsi. Se abbiamo competizioni interne, certamente i club continueranno a tenere i giocatori più a lungo. Dobbiamo trovare una risposta a questo perché è importante per i giocatori e per Dobbiamo trovare un modo per organizzare meglio i club ei giocatori.
Anastasia Ryabova: “Ci atteniamo alle regole FIFA per quanto riguarda i giocatori stranieri nel campionato russo. Quando il club si impegna con i giocatori stranieri, lavoriamo con il sistema di trasferimento FIFA. Ogni giocatore deve avere un certificato di trasferimento FIFA o non può giocare in Russia. “Noi limitiamo anche i giocatori a passare a più di due club in una stagione”.
Roberto Caretto: “I regolamenti di trasferimento sono fondamentali nello sviluppo dello sport e riprenderò i punti dalla discussione in Italia. Gli sponsor inoltre amano dare il loro marchio ad un’icona dello sport, quindi non piace quando questi giocatori sono in altri campionati o in altri club. “Ecco perché Lazio cerca di mantenere il nucleo principale del nostro gruppo di giocatori
Fonte :Bsww

 

Inaugurata la statua di Matteo Valenti.

Inaugurata la statua di Matteo Valenti.

E stata inaugurata questa mattina, sulla banchina che già porta il suo

nome, di fronte al Museo della Marineria sul Lungocanale est  di Viareggio, la statua in memoria del nostro Matteo Valenti.
Matteo morì il 12 novembre 2004 all’età di 23 anni in seguito alle ustioni che si procurò nella fabbrica dove lavorava.
L’opera realizzata dallo scultore  Libero Maggini è alla sua seconda versione in quanto la prima in marmo fu rovinata dai vandali un paio di anni fa. La nuova versione è stata ora interamente realizzata in bronzo.
Alla cerimonia erano presenti il sindaco Giorgio Del Ghingaro con diversi componenti della sua giunta e consiglieri comunali, alcuni dei giocatori del Viareggio Beach Soccer, i familiari  con il fratello Giacomo, la mamma Gloria ed il padre Lirio e poi gli allievi della scuola media Lenci che hanno realizzato un video che ha partecipato al Premio nazionale Paolo Borsellino, Marco Piacentini in rappresentanza delle vittime della strage di Viareggio del 29 Giugno 2009 e tanti  amici stretti intorno alla famiglia di Matteo.

Un momento di grande  emozione per tutti.
L’immagine di Matteo, dopo quel terribile incidente,  è diventata  un  simbolo ed un riferimento nella viaregginità e nel mondo del Beach Soccer locale che si riconosce e si identifica nel suo straordinario ricordo. Nella sezione foto del sito le immagini della cerimonia.

Gionni Matticoli ha diretto la finale della Intercontinental Cup. L’articolo con cui l’Aia ha presentato la gara.

Gionni Matticoli ha diretto la finale della Intercontinental Cup. L’articolo con cui l’Aia ha presentato la gara.

Quella di oggi è per Gionni Matticoli la settima finale in una competizione internazionale di Beach Soccer. Alle ore 20.00 (ore 17 in Italia) l’arbitro molisano dirigerà la finale che assegna il titolo della VII edizione della Intercontinental Beach Soccer Cup 2017, il torneo più prestigioso del circuito mondiale del Beach Soccer dopo i mondiali, che avrà luogo nel nuovo stadio dalla capienza di 3000 posti, appena costruito in Jumeirah Beach a Dubai. A contenderselo saranno la selezione del Brasile e quella del Portogallo, le migliori tradizioni calcistiche di questa disciplina.
Una carriera brillante quella di Gionni, priva di sbavature e di passi falsi: approda al Beach Soccer nel 2008 e dopo appena quattro anni, l’8 giugno 2012, dirige a Terracina la sua prima gara internazionale, il derby iberico tra Portogallo e Spagna valevole per le qualificazioni ai campionati europei. Un tabellino davvero eloquente che rende superfluo ogni commento: arbitro inserito nelle leste FIFA da poco più di 5 anni, 128 le gare dirette in ambito internazionale (con quella di stasera) tra cui 7 finali, 5 finali italiane sotto l’egida FIGC.
La sua prima finalissima è datata 19 maggio 2013, a nemmeno un anno dal suo esordio internazionale. Era l’Euro Winners Cup, il torneo riservato ai club vincitori dei campionati nazionali, disputatosi nella Beach Arena di San Benedetto del Tronto: la Lokomotiv Mosca conquista il titolo infliggendo al Griffin Kiev un netto 3 a 0.
L’anno successivo, in Catalogna a Torredembarra, si tiene la XVII Edizione della Euro Beach Soccer League, i campionati europei veri e propri. Il 17 agosto l’arbitro molisano centra la sua seconda finalissima che questa volta vede affrontarsi due selezioni nazionali, Spagna e Russia; i sovietici si impongono per 4 a 3 e conquistano il titolo per la quarta volta.
Il 2015 è l’anno della FIFA Beach Soccer World Cup, disputata nella città di Espinho, in Portogallo. La finale vede affrontarsi la nazionale di Tahiti e i padroni di casa, i quali si impongono per 5 a 3 sugli avversari e conquistano per la seconda volta il titolo. È il 19 luglio 2015 e per il terzo anno consecutivo Matticoli ha una data speciale da fissare sul calendario. Passano poco più di 100 giorni e il 7 novembre, questa volta negli Emirati Arabi, Gionni dirige la finale dell’Intercontinental Beach Soccer Cup di Dubai: la nazionale di Tahiti ci riprova, ma infrange il suo sogno contro la Russia che prevale per 5 a 2 conquistando per la terza volta il prestigioso titolo.
Nel 2016 torna l’Euro Beach Soccer League le cui fasi finali si tengono a Catania. Il 28 agosto, nella Domus Bet Arena Beach Stadium, davanti a 2 mila spettatori, si affrontano le nazionali di Portogallo e Ucraina. Quest’ultima conquista il titolo per la prima volta e Matticoli ha la gioia di dirigere una finale europea nel proprio Paese.
Il 2017 è un anno ricco di soddisfazioni per l’arbitro molisano: il 20 febbraio festeggia la sua centesima direzione internazionale tra Barbados–Canada, partita inaugurale del torneo di qualificazione ai Mondiali organizzato dalla CONCACAF, che si è giocata a Nassau, nelle Bahamas. Dal 10 al 12 agosto viene convocato per il Mundialito, il torneo internazionale più longevo del Beach, dal 1997 stabilitosi in Portogallo. La XXI edizione, ospitata a Praia da Rocha nel bellissimo borgo marinaro di Portimao, vede i carioca conquistare per la 14 volta il torneo prevalendo in finale sul Portogallo: per Matticoli è la sesta finale internazionale. Ma il 2017 non è ancora terminato, a novembre torna l’appuntamento negli Emirati Arabi. Fin dalle prime giornate Gionni ottiene designazioni di grande pregio: dopo la gara inaugurale tra Iran e Paraguay, l’arbitro italiano ha diretto nella seconda giornata il big match del girone A tra Brasile e Portogallo, mentre nella terza giornata Iran – Russia, scontro al vertice del Gruppo B. La designazione di ieri, Egitto – Messico, una semifinale da 5-8 posto, ha fatto presagire un impiego più prestigioso nell’ultima giornata del torneo di Dubai. Stasera Brasile e Portogallo scriveranno, ancora una volta, una pagina della storia di questa disciplina a livello mondiale e l’italiano Matticoli ne sarà parte attiva.
Saranno molti i fischietti italiani che stasera si collegheranno in streaming su http://www.beachsoccer.com per assistere alla gara e, perché no, tifare il loro collega Gionni. Oltre al suo organo tecnico e Responsabile della CAN BS, Marcello Caruso, il Componente del Comitato Nazionale e istruttore FIFA per il Beach Soccer, Michele Conti, Gionni può contare del sostegno di tutta la sua Sezione. “Il successo di Gionni – commenta soddisfatto Domenico De Falco, Presidente della Sezione “Mario Galasso” di Isernia – non è solo suo ma un risultato che ottiene l’intera Sezione la quale si afferma attraverso il raggiungimento dei traguardi dei propri associati. Grazie ancora a Gionni per averci portato nuovamente sul tetto del mondo”.
Tratto da : www.aia-figc.it/
Nelle foto: Gionni Matticoli quest’estate al Beach Stadium di Viareggio

Al Brasile la Coppa Intercontinentale 2017

Al Brasile la Coppa Intercontinentale 2017

 

Si è conclusa questo pomeriggio  a Dubai la  Coppa Intecontinentale Huawei 2017 di Beach soccer.
Nella finalissima per la conquista del titolo di fronte  i campioni del mondo 2017 del Brasile contro gli ex iridati 2015 del Portogallo.  La gara è stata inizialmente molto equilibrata e giocata con grande attenzione dalle due formazioni che hanno pensato prima di tutto a gestire le prime fasi di gioco.
Il risultato si è mantenuto a lungo in bilico  sullo 0 a 0.  Poi  a metà del scondo tempo dopo una gara molto equilibrata risultato sbloccato grazie all’ex bianconero Rafael Bokinha che di piatto destro ha insaccato  il gol del vantaggio dei verdeoro.
Prima del termine della seconda frazione di gara raddoppio sudamericano di sinistro di Felipe Silva.
La gara è poi prosguita con, in evidenza sopra tutti i due portieri, Mao ed Andrade che hanno dato vita ad un grande duello a distanza a protezione delle rispettive porte e con il risultato che , non cambiando,  ha portato il Brasile al nuovo titolo.
MVP del torneo il brasiliano Rodrigo, miglior portiere Mao (Bra) Top Scorer Jordan Santos (Por).
Nella finale per il terzo e  quarto posto vittoria dell’Iran avversario degli azzurri ai mondiali di Bahamas che si è imposto per 4-2 sulla Russia.
Di Behzadpour,  Ahmadzadeh,  Moradi e  Kiani i gol degli asiatici mentre per la Russia a segno Nikonorov e Romanov.
Egitto ed   Emirati Arabi,   completano, nell’ordine la classifica finale davanti a Paraguay e Mexico che chiude il rank finale.