• Benvenuti nel sito del Viareggio Beach soccer.
  • CAMPIONI D’EUROPA NEL 2016
  • CAMPIONI D’ITALIA NEL 2016
  • Vincitori DELLA Coppa Italia NEL 2012 e NEL 2016
  • Vincitori della Supercoppa italiana NEL 2018
  • …a casa mia c’e’ tutto !!!
  • MATTEO VALENTI BEACH STADIUM VIAREGGIO
  • Email sito : viareggiobeachsoccer@libero.it
  • TUTTE LE NOTIZIE SUL BEACH SOCCER
  • VIAREGGIO BEACH SOCCER

Finali europeo: Italia – Bielorussia 5-4. Decide Ramacciotti a 20 secondi dalla fine

Nella bellissima  location di Alghero in Sardegna  sono scesi in campo questo pomeriggio gli azzurri  di Emiliano del Duca per affrontare la prima sfida del girone eliminatorio di questa fase finale dell’Euroleague 2018. Per avversari, la formazione della Bielorusssia con cui, la nazionale italiana, aveva dovuto fare i conti nella fase di qualificazione. In quell’occasione, in casa degli avversari a Minsk, furono i bielorussi ad imporsi per 6 a 5 in una
partita tiratissima decisa all’Extra time.
Oggi la gara ha avuto un epilogo quasi analogo caratterizzata da un sostanziale equilibrio e decisa solo nel finale.
Per la cronaca hannno iniziato bene  gli azzurrri con il palo di Gori in rovesciata. Poi Tin tin approfitta di un penalty e di sinirtro porta in vantaggio l”Italia. Palla da una parte e prtiere daall’altra. A cinque dalla fine la Bielorussia pareggia e dopo solo un minuto potrebbe addirittura passare in vantaggio ma il tiro libero degli avversari viene deviato da Del Mestre sul palo.
Nella ripresa partono meglio  i giocatori dell’est europa che beneficiano di un tiro libero ma Carpita vola  e smanaccia fuori la palla dal sette.
A metà frazione tiro libero per gli azzurri e Chiavaro con un rasoterra alla destra del portiere segna e riporta  i ragazzi di Del Duca in vantaggio. Gori beneficia di un tiro libero ma il tiro a giro finisce fuori gli arbitri fanno ripetere il tiro ma la nuova conclusione è identica alla prima. A ventinove secondi dalla fine arriva il secondo pareggio bielorusso con un destro ravvicinato da una palla sfortunata rimbalzata in area.

Terminata la seconda frazione si torna  in campo per decidere il match.
Marinai si conquista subito un rigore ma il tiro dell’azzurro viene ribattuto dal portiere. A cinque dalla fine punizione di Chiavaro dalla propria area. Il difensore del Catania prende la rincorsa da dentro la propria porta e  scarica un destro terrifficante nel sette della porta avversaria.
Il tiro da casa sua raccoglie la meritata ovazione della arena di Alghero. Il 3 a 2 dura poco, Frainetti si invola sulla destra e rimette al centro dove Zurlo ringrazia e insacca di destro il 4-2.
La gara sembra in discesa per gli azzurri ma la Bielorussia non molla.
Quando mancano sei minuti alla fine della gara arrivano peroò due rigori consecutivi in favore dei rossi avversari. Bristhel li realizza entrambi e riporta in pari la Bieelorussia.
Tutto da fifare e da decidere come sempre nel finale.
A trenta secondi dalla fine mentre si guarda il coronometro in attesa delll’extratime l’epilogo della gara.
Del Mestre rinlancia per Ramacciotti che dall’angolo di testa rimette in mezzo la palla, il  difenzore per contendere la palla a  Palazzolo  riappoggia verso l’airone che di destro appoggia in rete il gol della vittoria.

Italia-Bielorussia 5-4 (1-1; 1-1; 3-2)

Italia: Carpita, Chiavaro, Marinai, Ramacciotti, Corosiniti, Zurlo, Gori, Palmacci, Palazzolo, Frainetti, Del Mestre. All: Del Duca
Bielorussia: Cherkasau, Bokach, Artsemi, Samsonov, Miranovich, Bryshtsel, Kanstantsin, Savich, Aleh, Kanstantsinaiu, Chaikouski. All: Nico

Arbitri: Benchabane (Fra) e Mammadov (Aze)
Reti: 4’pt Gori (I), 8’pt Bokach (B); 7st Chiavaro (I), 12’st Savich (B); 3’tt Chiavaro (I), 5’tt Zurlo (I), 6’tt rig. Bryshtsel (B), 6’tt rig. Bryshtsel (B), 12’tt Ramacciotti (I)
Ammoniti: Bokach, Samsonov, Bryshtsel (B), Chiavaro (I)

Domani ci sarà la seconda gara in programma contro la Russia campione in carica (diretta streaming su russia beach soccer) che, nella gara odierna ha travolto l’Ucraina precedente detentrice del titolo con un eloquente 6-0. Ma ogni gara ha una storia a se a domani.