Sospesa la finalissima di Coppa Italia.

Sospesa la finalissima di Coppa Italia.

La finalissima di Coppa Italia fra Catania e Terracina è stata sospesa al 5° minuto del primo tempo a causa di una violentissima tromba d’aria che si è abbattuta improvvisamente sul litorale viareggino durante la gara. Cominciamo così a raccontare la giornata finale della Coppa Italia Enel proprio dal momento conclusivo. Dopo una bellissima giornata di sole che ha visto impegnate nel Matteo Valenti beach stadium   tutte le squadre in gara, un nuvolone nero si è concretizzato  trasversale proprio davanti al litorale della darsena.  Di colpo è aumenta la forza del vento proprio mentre era in corso il primo tempo della finalissima fra Catania e  Terracina. Il pubblico sulla tribuna ha frettolosamente lasciato gli spalti e, pochi attimi dopo una violentissima tromba  d’aria ha attraversato l’impianto per abbattersi  proprio contro la tribuna ormai rimasta deserta.  Agli arbitri è rimasto giusto il tempo di fischiare la fine della gara e di ritirarsi di corsa insieme al pubblico nelle strutture coperte adiacenti.  Per fortuna solo un grosso spavento per tutti i presenti e vari danni all’impianto che dovrà ora essere sottoposto ad un veloce restauro perchè,  già in settimana sia Viareggio che Colosseum si ritroveranno nello stadio  per allenarsi e, venerdì prossimo, tornerà il circo del beach soccer in Versilia e ci sarà da ospitare la prima gara di campionato di Serie A Enel.  La finale di Coppa Italia non si è così conclusa ed il titolo non è stato assegnato, anche se,visto che le squadre saranno a Viareggio la prossima settimana potrebbe essere l’occasione per un recupero immediato dellla finalissima ma per questo ci sarà da attendere le decisioni della Lega Beach Soccer.

Viareggio perde in semifinale con Terracina. Oltre 1000 spettatori. Ora Milano per il 3°/4° posto.

Viareggio perde in semifinale con Terracina. Oltre 1000 spettatori. Ora Milano per il 3°/4° posto.

Quello che giusto un anno fa pareva un miraggio ovvero centrare la finale di Coppa Italia, oggi resta tale. Ma quanta strada e quanta crescita dei bianconeri in questo anno trascorso. Dalla squadra timorosa degli esordi romani della Coppa scorsa al terzo e quarto di quest’anno dopo una semifinale persa contro una corrazzata come Terracina che fino a pochi mesi fa non era nemmeno abbordabile. Oggi i viareggini, davanti ad oltre mille spettatori,  se la sono giocata fino all’ultimo con disinvoltura e seppur consapevoli della forza dell’avversario mettendo in cascina un altra bella dose di esperienza e fiducia per i prossimi impegni.  Ha ragione Coach Santini ad essere soddisfatto della crescita dei suoi ragazzi a cui, oltre alle assenze di Gori Brega e Romanini si è aggiunta quella di Barsotti colpito prima della gara da una forma influenzale. I viareggini hanno lottato con coraggio fino alla fine cercando prima di recuperare lo svantaggio iniziale e poi senza mai mollare fino al triplice fischio finale alla ricerca quanto meno, se non dell’ ormai improbabile pareggio, di acquisire la consapevolezza che il gap con gli avversari piano piano si va colmando. Fra gli avversari di oggi nomi noti al grande beach soccer, affrontati sempre  a viso aperto.  Stankovic, bomber della Nazionale elvetica, Feudi, Spada  e Palmacci della nazionale azzurra, l’altro bomber Juninho il francese Francois poi  il miglior giocatore dello scorso campionato Bruno Xavier.  Insomma una sconfitta per 4  a 2 che rende onore comunque alla crescita dei viareggini. E dpomani un altro top game con il fortissimo Milano Beach Soccer ricco anche questo di grandi campioni e nazionali ma  noi non molleremo. Un grazie anche al foltissimo pubblico accorso al beach stadium ed ai ragazzi della Accademy del Viareggio beach soccer che hanno dato un tocco di allegria ed entusiamo al pomeriggio di gare.

Il commeto di LND:

FERAGNOLI TERRACINA – VIAREGGIO 4-2 (0-0;2-1;2-1)
FERAGNOLI TERRACINA: Spada, Frainetti, Feudi, D’Amico, Juninho, Francois, Bruno Xavier, Stankovic, Palmacci, Pepe. All: Del Duca
VIAREGGIO: Carpita, Petracci, Russo, Ramacciotti, Di Tullio, Florio, Mercatali, Di Palma, Marrucci, Marinai. All: Santini
Arbitri: Telesca (Campobasso) e Balconi (Sesto San Giovanni)
Marcatori: 4’st Juninho (T), 6′ st Palmacci (T), 10′ st Petracci (V); 2’tt Juninho (T), 4’tt Juninho (T), 12’tt Ramacciotti (V)

La sfida tra due squadre che molto probabilmente saranno le guastafeste della stagione, due club in netta crescita che puntano molto in alto. Nei primi sei minuti Bruno Xavier e Francois sprecano due ottime occasioni, anche Florio si aggiunge al festival dell’errore con due conclusioni sballate davanti alla porta. L’imprecisione dei giocatori e i riflessi dei portieri lasciano inchiodato il risultato sullo 0-0. Il secondo tempo sembra di tutt’altro tenore, è Terracina a suonare la carica con Palmacci che colpisce una traversa, è il preludio al gol dei lidensi che segnano il gol del vantaggio al 4′ con un sinistro forte e preciso di Juninho. In un minuto la gara si scuote, il Viareggio reagisce con Marinai che colpisce la traversa da pochi passi, passano pochi secondi e un tiraccio di Palmacci viene deviato tradendo Carpita, Terracina avanti di due. La gara vive di fiammate, l’assenza di Gori li davanti si fa sentire per i bianconeri, ci pensa però Petracci ad inventarsi una semi rovesciata che colpisce un cumulo di sabbia insaccandosi in rete. Si riapre la partita proprio in chiusura di seconda frazione. Juninho non ci sta e nel giro di due minuti (2′-4′) sfoggia il suo repertorio segnando due reti belle e pesanti, la seconda con un destro a girare che s’infila sotto al sette. I viareggini non si abbattono sollecitando Spada in più occasioni, il portiere non abbassa la guardia e al 9′ para un rigore a Di Palma, non può far nulla però su Ramacciotti che segna la rete dell’orgoglio per i suoi quasi in chiusura. Il verdetto non cambia, sarà Terracina a giocarsi la finale con Catania.

Le altre gare di oggi. 3^ giornata

Le altre gare di oggi. 3^ giornata

Nell’altra semifinale Catania si impone su Milano.

CATANIA-MILANO 3-2 dcr (1-0;0-1; 0-0)
Catania: Platania, Salgueiro, Franceschini, Juninho, Platania, Tedeschi, Bernardo, Bosco, Fred, Buru, Barravecchia. All: Belluso
Milano: Alvaro, Ahmed, Casarsa, Bruno, Amarelle, Ghilardi, Zanini, Benjamin, Alan, Fumagalli. All: Panizza
Arbitri: Sarri (Arezzo) e Cecchin (Bassano)
Marcatori: 7’pt Juninho (C); 1’st Benjamin (M)
Sequenza rigori: Benjamin (M) gol , Juninho (C) gol, Amarelle (M) parato, Bernardo (C) parato, Alan (M) parato, Buru (C) gol
Ammoniti: Fumagalli (M)

Milano Catania è ormai una “classica” del beach soccer che spesso sorride ai rossoneri ma stavolta i siciliani si sono rinforzati e pronti a riscattare il passato. Nei primi minuti prevale il tatticismo comunque è Catania a rendersi pericoloso con un paio di conclusioni dalla distanza di Juninho, Buru poi colpisce la traversa e Fumagalli da due passi spreca, i tanti campioni sulla sabbia iniziano ad accendere la gara. Al 7′ Juninho porta avanti i suoi concludendo al meglio uno scambio verde oro con Fred. Passano i minuti, ti aspetti una reazione rossonera è invece la squadra di Belluso a rendersi ancora pericolosa con uno scatenato Juninho. All’11 però Milano lancia un acuto con Benjamin che fa partire un tracciante dalla distanza che si stampa sulla traversa. Si chiude così un primo tempo tinto di rosso azzurro. Inizia la seconda frazione e Milano colpisce con inaudito cinismo, Benjamin sfrutta al meglio un contropiede quasi calcistico trafiggendo il portiere argentino. Nonostante i tanti sforzi dei catanesi la partita torna sul pari, Ahmed intanto spreca un’occasione colossale sparando alto da ottima posizione, primi segnali premonitori, l’inerzia della gara sta cambiando. Il ritmo è basso ma Amarelle e Juninho infiammano il pubblico con acrobazie belle ma inefficaci. Il secondo tempo si chiude con una traversa colpita da Juninho, si deciderà tutto nell’ultimo terzo della gara. Nei primi sei minuti dell’ultimo tempo assistiamo quasi a una partita a scacchi, sembra che la fantasia dei tanti brasiliani in campo sia soffocata dall’importanza della posta in palio. Il resto del tempo non riserva sorprese, si va ai rigori, forse l’epilogo giusto per decidere questa partita. I penalty rendono giustizia alla supremazia catanese, il portiere argentino Salgueiro fa il fenomeno, ne para due a giocatori del calibro di Amarelle e Alan mentre Buru conserva il sangue freddo e trascina i suoi in finale. Catania sogna, i detentori del titolo escono mestamente dalla competizione.

Gara per 5^-8^ posto
ROMA – LAMEZIA TERME 5-1 (1-0; 3-0; 1-1)
Roma: Merola, Souza, Agosto, Fruzzetti, Coimbra, Madjer, Corosiniti, Belchior, Vanzela, Tamagnini. All: Fruzzetti
Lamezia Terme: D’Augello, Notaris, Morabito, Gallo, Morelli, Perciamontani, Muraca, Nucifero, Lanzo, Sereno.
Arbitri: Cazzadore (Adria) e Sicurella (Agrigento)
Marcatori: 2′ pt Madjer (R); 1’st Belchior (R), 8′ st Souza (R), 9′ st Madjer (R); 12’tt Morelli (L), 12’tt Madjer (R)

COLOSSEUM – DERBY CASTROCARO 4-2 (0-2, 2-0, 2-0 )
Colosseum: Del Mestre, Leghissa, Cristian Torres, Rui Mota, Ietri, Paoloni, Soria, Kuman, Maradona Jr, Caretto. All.: Della Negra
Derby Castrocaro: Turchi, Don Enrico, Toresi, Caroli, Spacca, Casamenti, Martinetti, Schirinzi, Hoppler, Giardini. All.: Turchi
Arbitri: Buscema di Udine e Murgida di Gallarate.
Marcatori: 4’pt Hoppler, 5’pt Schirinzi, 3’st Cristian Torres, 4’st Soria, 3’tt Del Mestre, 12’tt Soria.

Girone E 9^-11^ posto
BELPASSESE – CERVIA 3-6 (0-3;2-2;1-1)
Belpassese: Pensabene, Casella, Campanella M., Campanella S., Garofalo, Grasso, Sciuto, Bonaiuto, Chisari, Corsaro. All: Ricciardello
Cervia: Zanardi, Zambelli, Rindone, D’Onofrio, Di Marco, Villotta, Gangitano, Sacchi, Lopriemo, Campomimosi. All: Garbin
Arbitri: D’Oriano (Pisa) e Fregola (Gallarate)
Marcatori: 4’pt Sacchi (C), 6′ pt Sacchi (C), 9′ pt Villotta (C); 7’st Campanella S.(B), 8’st Gangitano (C), 10’st Lopriemo (C), 12’st Garofalo (B); 1′ tt Sacchi (C), 3′ tt Campanella S. (B)

BARI – CONDORELLI BELPASSESE 6-12 (0-2, 1-3, 5-7)
Bari: Loporchio, Bigica, Delle Foglie, Catalano, Di Bari, Armento, Bitetto, Giardino, De Napoli, Sansonetti.. All: Sansonetti
Belpassese: Pensabene, Casella, Campanella S., Campanella M., Garofalo, Grasso, Sciuto, Bonaiuto, Chisari, Cordaro. All: Marcuccio
Arbitri: Taverna (Gorizia) e Di Lembo (Campobasso)
Marcatori: 5’pt Chisari (B), 8′ pt Chisari (B); 4’st Cordaro (B), 10’st Delle Foglie (Ba), 11’st Garofalo (B), 11’st Cordaro (B); 1’tt Chisari (B), 4′ De Napoli (Ba), 4’tt Sciuto (B), 5′ tt Grasso (B), 6’tt Sansonetti (Ba), 7′ tt Catalano (Ba), 8’tt Garofalo (B), 9’tt Cordaro (B), 11’tt Grasso (B), 11’tt Giardino (Ba), 11′ Sciuto (B), 11′ tt Giardino (Ba)
Ammoniti: Garofalo, Grasso (B)

Coppa: Semifinali e finali su Skysport 1

Coppa: Semifinali e finali su Skysport 1

Le due semifinali di Coppa Italia Enel 2011 che vedranno opposte Terracina e Viareggio l’una e Milano- Catania l’altra nonchè la successiva finale primo e secondo posto avranno la copertura delle telecamere di Skysport . La programmazione relativa  su Sky Sport 1 della Coppa Italia Enel 2011, nel Matteo Valenti Beach Stadium di Viareggio, è così prevista: venerdì 10 giugno apartire dalle ore  21,00 verranno trasmesse in differita le due semifinali, mentre sabato 11 giugno dalle ore 21,00 sarà la volta della finalissima. Sicuramente un bel contributo che Santini ed il Viareggio beach soccer sono riusciti a dare a Viareggio. Per due sere in prima serata le immagini di Viareggio, della sua spiaggia e del suo mare faranno il giro del mondo.

Coppa Italia: I primi verdetti. Le gare di domani.

Coppa Italia: I primi verdetti. Le gare di domani.

 
Milano, Viareggio, Terracina e Catania si giocano la Coppa Italia Enel
Conclusa la prima fase, ormai è tempo di semifinali. A Viareggio lo spettacolo continua per tutto il fine settimana
La spiaggia di Viareggio s’infiamma con le giocate dei campioni del beach soccer. I tifosi versiliesi prendono confidenza con acrobazie e giocate spettacolari, festeggiando anche la vittoria degli idoli locali che conquistano le semifinali della Coppa Italia Enel. La seconda giornata di gare si apre come meglio non si poteva, la gara decisiva del girone A della prima fase, infatti, è Colosseum-Terracina, due delle formazioni candidate al successo nel campionato 2011. Spettacolo doveva essere e spettacolo è stato: tra i pontini Bruno Xavier si conferma motore insostituibile di una corazzata fortissima, tra i romani la palma del migliore va a Del Mestre che, oltre a difendere la porta alla grande, si è esibito nel pezzo del suo repertorio che non si può più definire una casualità, segnando un gol straordinario calciando direttamente dalla propria area. Il resto l’hanno fatto gli altri magnifici interpreti di questa disciplina che rispondono al nome di Palmacci e Javier Torres, senza dimenticare giocatori come François e Leghissa che non finiscono spesso sul tabellino dei marcatori ma offrono sempre il loro importante contributo di quantità e qualità. Decisiva è risultata la maggiore confidenza nel gioco di gruppo da parte dei terracinesi che hanno dimostrato anche di saper soffrire nel momento di maggiore pressione degli avversari. Altro big match quello che ha visto sfidarsi nel primo incontro del pomeriggio Catania e Roma. Un tatticismo esasperato e la paura di perdere hanno sacrificato lo spettacolo, ma il livello tecnico messo in campo dai protagonisti è stato sicuramente di grande soddisfazione per i puristi del beach soccer. Alla fine, i ritmi lenti e la migliore precisione sottoporta premiano i siciliani che escono dal beach stadium con in tasca un insolito 2-0 e la testa del girone B. Un plauso particolare se lo sono meritati i due portieri, decisivi in più di un’occasione. Conquistano la semifinale anche i padroni di casa del Viareggio che, nonostante un Derby Castrocaro mai domo, vincono la gara decisiva per la leadership del girone C. Capitan Marinai trascina i suoi guidandoli in quella che si è rivelata una vera e propria battaglia. Bravi anche Di Tullio e Carpita, il primo preciso in fase realizzativa, il secondo superlativo tra i pali. Sul fronte forlivese meritano più di una segnalazione gli svizzeri Spacca e Schirinzi, sempre al centro della manovra del Castrocaro. Ha chiuso il programma gare odierno la sfida secca tra i campioni in carica del Milano e la matricola Lamezia Terme, all’esordio nel circus del beach soccer targato Figc-Lega Nazionale Dilettanti. I rossoneri prendono il largo dopo un inizio difficile. Amarelle, Benjamin, Alan e gli italiani Ahmed, Casarsa e Fumagalli rappresentano una certezza, domani però sono attesi già da un banco di prova importante contro il Catania, mentre l’altra semifinale vedrà protagoniste Viareggio e Terracina. Due gare da non perdere. La programmazione su Sky Sport 1 della Coppa Italia Enel è così prevista: venerdì 10 giugno dalle h 21 le due semifinali, mentre sabato 11 giugno dalle h 21 la finalissima.

2^ Giornata Venerdì 3 giugno 2011
A: gara 8: Feragnoli Terracina – Colosseum 4-3
B: gara 9: Roma – Catania 0-2
C: gara 10: Viareggio – Derby Castrocaro 6-4
D: gara 7: Milano – Lamezia Terme 8-3

Classifica girone A: Feragnoli Terracina 6, Colosseum 3, Condorelli Belpassese 0
Classifica girone B: Catania 6, Roma 3, Bari 0
Classifica girone C: Viareggio 6, Derby Castrocaro 3, Cervia 0

3^ Giornata Sabato 4 giugno 2011
Semifinali 1°-4° posto
Gara 11: Feragnoli Terracina – Viareggio h. 16:30
Gara 12: Catania – Milano h. 15:15
Gare per assegnazione 5°-8° posto
Gara 13: Colosseum – Derby Castrocaro h. 14:00
Gara 14: Roma – Lamezia Terme h. 11:15
Girone E 9°-11° posto:
Gara 15: Condorelli Belpassese – Cervia h. 10:00
Gara 16: Bari – Perdente 15 h. 17:45

Classifica marcatori
4 reti: Cordaro (Belpassese), J. Torres (Colosseum), Bruno Xavier (Terracina), Marinai (Viareggio);
3 reti: Buru (Catania), Amarelle (Milano), Di Tullio, Florio (Viareggio);
2 reti: De Napoli (Bari), Sacchi, Zambelli, Di Marco (Cervia), Maradona Jr, J. Torres, Leghissa, Kuman (Colosseum), Spacca, Venturi, Hoppler (Derby Castrocaro), Ahmed, Polastri (Milano), Madjer, Palma (Roma), Bruno Xavier, Feudi (Terracina), Di Palma (Viareggio);
1 rete: Chisari (Belpassese), Catalano (Bari), Bernardo, Fred, Juninho (Catania), Rindone, D’Onofrio (Cervia), Del Mestre (Colosseum), Schirinzi (Derby Castrocaro), Nucifero, Morelli, Perciamontani (Lamezia Terme), Alan (Milano), Corosiniti, Belchior (Roma), Stankovic, Palmacci, François (Terracina), Petracci, Barsotti (Viareggio);
1 autorete: Catalano (Bari pro Catania), Torres C. (Colosseum pro Terracina).

Viareggio conquista la semifinale di Coppa Italia

Viareggio conquista la semifinale di Coppa Italia

Il Viareggio beach soccer centra una clamorosa qualificazione alle semifinali di Coppa Italia dopo una partita tiratissima contro la formazione del  Castrocaro, squadra  ricca di nazionali fra cui gli elvetici Spaccarotella e Schirinzi . Entrambe le formazioni in campo dopo aver sconfitto Cervia cercavano la vittoria contendendosi di fatto il posto per entrare nelle semifinali. In  una gara piacevole e ricca di suspense, fino a buona parte del terzo tempo, i bianconeri hanno centrato i tre punti che consentono il passaggio del turno migliorando di fatto il già ottimo risultato dello scorso anno. L’ottimo gioco corale visto oggi lascia ben sperare per il futuro anche se, l’avversario di domani  la corrazzata di Terracina ricca di talenti e nazionali di mezzo mondo sarà un avversario davvero durissimo per la squadra di Stefano Santini )nella foto). Il commento della gara di oggi di LND:

VIAREGGIO-DERBY CASTROCARO 6-4 (3-2, 1-1, 2-1)
Viareggio: Carpita, Petracci, Ramacciotti, Di Tullio, Marinai, Florio, Mercatali, Di Palma, Marrucci, Barsotti. All. Belluomini.
Derby Castrocaro: Turchi, Don, Venturi, Torresi, Spacca, Bucci, Schirinzi, Diarra, Hoppler, Giardini. All. Turchi.
Arbitri: D’Attanasio di Lanciano e Napoletano di Nola.
Marcatori: 1′ pt Marinai (V), 4′ pt Florio (V), 9′ pt Spacca (D), 11′ pt Venturi (D), 12′ pt Di Tullio (V), 4′ st Spacca (D), 12′ Petracci (V), 4′ tt Hoppler (D), 5′ tt Marinai (V), 12′ tt Di Palma (V).
Note: Ammoniti: Barsotti e Ramacciotti (V).

Parte subito forte la formazione di casa che trova al 1′ il gol del vantaggio, ma il Derby si riversa subito in avanti con Schirinzi che si fa parare il tiro libero dal limite dell’area. Il Viareggio sembra più convinto e con grande entusiasmo mette pressione agli avversari. Florio al 4′ trova il varco giusto facendo impazzire il pubblico locale assiepato sulle tribune del beach stadium allestito in Darsena. I bianconeri non si risparmiano e sulle ali dell’entusiasmo ci provano ancora in diverse occasioni, quella migliore porta la firma di capitan Marinai al 9′ ma la palla esce di poco. Gol mangiato e gol subito, questa la legge dello svizzero Spacca che infila la porta toscana con un bolide terra-aria su punizione. I forlivesi raggiungono anche il pari con un’invenzione di Venturi dalla distanza, imitato poco dopo da Di Tullio che riporta avanti i viareggini per il parziale di 3-2 con cui si va al riposo. La seconda frazione si apre con una punizione insidiosa del solito scatenato Marinai, poi si mette in evidenza Marrrucci, ma entrambe le conclusioni non hanno fortunato. Nella seconda frazione, complice un nervosismo serpeggiante tra le fila viareggine, il Castrocaro continua nella sua azione compassata e riesce ad impattare l’incontro con un altro guizzo di Spacca al 4′. I padroni di casa iniziano ad attaccare a testa bassa e con la forza e l’impeto che li contraddistingue passano ancora in vantaggio a pochi secondi dal riposo con Petracci. L’ultimo tempo si apre con una rovesciata spettacolare di Schirinzi che sfiora la traversa. Ancora romagnoli in avanti con Hoppler, ma il suo calcio di punizione è deviato in angolo da Carpita. Il forcing del Castrocaro viene premiato al 4′ quando Schirinzi fa il diavolo a quattro in area avversaria e mette un pallone al centro per l’indisturbato Hoppler che di testa firma il pareggio. Tutto da rifare per il Viareggio ma con un Marinai così in forma passa solo 1′ per il nuovo vantaggio. Il suo diagonale da calcio da fermo è preciso e non lascia scampo a Turchi. I toscani rischiano al 9′ su tiro di Spacca ma Carpita riesce ad intervenire con la punta delle dita sotto la traversa. Viareggio passa ancora con Di Palma che infila la porta avversaria con un bolide dalla trequarti. Ormai non c’ più tempo e le ultime resistenze dei forlivesi si spengono qui. Viareggio accede in semifinale.

Coppa Italia: La seconda giornata.

Coppa Italia: La seconda giornata.

Le gare:

Fonte : LND Dipartimento beach soccer

FERAGNOLI TERRACINA-COLOSSEUM 4-3 (3-1,1-1,0-1)
Terracina: Spada, Pepe, François, D’Amico, Frainetti, Feudi, Stankovic, Bruno Xavier, Juninho, Palmacci. All. Del Duca
Colosseum: Del Mestre, Leghissa, Cristian Torres, Rui Mota, Javi Torres, Posado, Soria, Kuman, Maradona Jr, Caretto. All. Della Negra
Arbitri: Matticoli di Isernia e Melfi di Vasto
Marcatori: 1’pt Palmacci, 6’pt Del Mestre, 8’pt Torres C. (aut.), 12’pt Bruno X. , 4’st Torres J., 5’st Bruno X., 2’tt Torres J

Feragnoli inizia subito in avanti e con grinta porta già al primo minuto alla rete di Paolo Palmacci. La Colosseum cerca di rispondere con un diagonale di Rui Mota da posizione defilata ma Spada è attento e con due mani manda fuori. Le squadre si studiano e sulla sabbia di Viareggio la carica agonistica si fa subito sentire. Dopo quattro minuti fa il suo esordio con la maglia della Colosseum anche Peppe Soria. I blu-verde-oro di mister Della Negra si rimettono subito in “carreggiata” con un rinvio di Del Mestre che finisce direttamente alle spalle di Spada. Il Terracina torna però subito in vantaggio e approfitta di un’autorete di Cristian Torres. Entrano in campo, per la Colosseum, anche Maradona Jr e Kuman mentre il Terracina risponde con l’ingresso in campo di Stankovic e Feudi e François. I romani non si fermano e chiudono così il primo tempo con il tris che porta la firma di un certo Bruno Xavier, nazionale brasiliano, eletto lo scorso anno miglior giocatore della serie A Enel. Ripresa agonisticamente molto intesa per le due squadre che scendono in campo con la voglia di andare avanti nel cammino di Coppa Italia. In maniera ordinata la Colosseum viene avanti e Javier Torres approfitta del passaggio di Kuman per accorciare le distanze e portare il parziale sul 3-2. Al 5’il team di mister Del Duca firma il poker con un super Bruno Xavier, che supera Rui Mota da distanza ravvicinata e batte Del Mestre da pochi passi. Il Terracina continua ad attaccare mentre la Colosseum è più impegnata nella fase difensiva. Nella terza frazione di gioco ultime possibilità per la Colosseum impattare l’incontro. Ci pensa subito Javier Torres che ad un passo dalla porta di Spada, con l’aiuto di Rui Mota, riesce ad avere la meglio sul portiere del Terracina e accorcia le distanze. Tutto è ancora possibile sulla spiaggia di Viareggio. Al 6′ occasione per la Colosseum con l’ammonizione per simulazione di Juninho che regala un tiro libero a Maradona Jr: il colpo del numero 10 è potente ma centrale e Spada manda fuori con sicurezza. La Colosseum continua ad attaccare ma il Terracina con ordine difende e controlla rendendosi pericolosa in contropiede.

ROMA-CATANIA 0-2 (0-1,0-0,0-1)
Roma: Merola, Galli, Agosto, Torres, Corosiniti, Souza, Madjer, Palma, Belchior, Vanzela. All. Fruzzetti.
Catania: Salgueiro, Franceschini, Platania, Fazio, Juninho, Fred, Bernardo, Buru, Bosco, Barravecchia. All. Belluso.
Arbitri: Bonavita di Forlì e Organtini di Ascoli Piceno.
Marcatori: 7′ pt Juninho (C), 5′ tt Buru (C).
Note: Ammoniti: Platania e Salgueiro (C).

Un lunga fase di studio ad inizio gara mette in evidenza le ottime doti dei palleggiatori presenti in campo. Buona parte del meglio in circolazione in fatto di beachers stranieri, soprattutto brasiliani, portoghesi e argentini, si sfidano all’interno di questo Catania-Roma. Madjer ci prova per i giallorossi, ma non trova la porta. Poi è la volta di Buru e Platania per i rossoazzurri, ma le loro conclusioni sono entrambe deviate da un attento Merola. Il portiere capitolino però non può nulla quando Juninho s’inventa una traiettoria spettacolare al 7′ portando in vantaggio i suoi. Il Catania prende in mano il pallino del gioco, quando difende neutralizza a dovere la premiata coppia portoghese Madjer-Belchior e si affida Fred e Bernardo per rilanciare l’iniziativa. La ripresa si sviluppa sulle stesse trame tattiche dei primi 12′. La punta della nazionale campione d’Europa in carica al 6′ non riesce a sfruttare al meglio l’ingenuità difensiva di Platania che commette fallo dal limite. Belchior ci prova anche 1′ con un’acrobazia che sbatte sull’incrocio dei pali della porta difesa da Salgueiro. Sull’altro versante strappa applausi Merola che si distende alla sua sinistra e riesce ad intercettare il tiro libero teso di Juninho dalla grande distanza. L’estremo difensore giallorosso si supera ancora al 9′ quando sventa per due volte consecutive la minaccia siciliana respingendo prima il colpo di testa di Platania e poi il tiro ravvicinato di Fred. Ancora Belchior protagonista all’11’ con una rovesciata che meriterebbe il gol se non fosse per l’intervento di Salgueiro che si guadagna una buona dose di applausi. La terza ed ultima frazione si accende con due conclusioni di Corosiniti, una deviata l’altra di poco fuori. Poi è il turno di Juninho che calcia per due volte in porta, ma non trova la via della rete perché Merola gli dice di non una prima volta e poi sbaglia la mira una seconda volta. Passano i minuti e il Catania non fatica a tamponare le sfuriate avversarie, anzi al 5′ trova addirittura la via del gol con una prova di forza del brasiliano Buru, l’ex di turno, che non perdona. Torres chiama a raccolta i capitolini e per due volte arriva al tiro da buona posizione: il primo è respinto miracolosamente da Salgueiro, il secondo esce di poco a lato.

MILANO – LAMEZIA TERME 8-3 (2-1, 2-1, 4-1)
Milano: Zanini, Menescardi, Nico, Ahmed, Polastri, Amarelle, Benjamin, Casarsa, Fumagalli, Alan. All. Panizza
Lamezia Terme: D’Augello, Rocca, Gallo, Morelli, Perciamontani, Muraca, Nocifero, Lanzo, Morabito, Notaris.
Arbitri: Crisci e Polito.
Marcatori: 2′ pt Nucifero (L), 3′ Alan (M), 9′ Amarelle; 1’st Amarelle (M), 2’st Ahmed (M), 10′ Morelli (L); 1’tt Perciamontani (L), 3’tt Ahmed (M), 10′ Polastri (M), 11’Polastri (M), 11′ Amarelle (M)

La regina contro la debuttante, il Milano pigliatutto di fronte alla matricola calabrese, uno scontro quasi impari, e invece l’inizio della gara dice tutt’altro, subito avanti i calabresi con un bel tiro di Nucifero, risponde subito Milano con il folletto brasiliano Alan che trova la deviazione vincente per il pari. Passano i minuti e i campioni in carica alzano progressivamente il ritmo trovando il gol del vantaggio con la furia rossa Amarelle lesto ad appoggiare in rete da pochi passi. Inizia il terzo tempo e il capitano della Spagna replica la prodezza con un bel destro che s’infila in rete a fil di palo. Un minuto dopo Milano prende il largo con Ahmed bravo scartare il portiere e appoggiare in rete indisturbato. Un Lanzo strepitoso evita un passivo maggiore al Lamezia che lancia un acuto con Morelli a due minuti dal termine del secondo tempo. Sembra un colpo isolato invece la gara si riapre ad inizio di terza frazione con Perciamontani bravo a segnare il terzo gol per i suoi con un diagonale forte e preciso. L’equilibrio però regge poco, ci pensa il colosso Ahmed a riportare sopra di due Milano con una bella girata. Comunque Lamezia non molla, Nucifero con un fendente dalla distanza scalda i guantoni di Zanini. I ragazzi di Panizza sprecano molto, ci pensa Polastri con due gol in un minuto a chiudere definitivamente il match, Amarelle poi si stufa di sfornare assist e segna l’ottava rete, Milano vola in semifinale, Lamezia Terme esce a testa alta.

Composizione dei Gironi

Girone A: Colosseum, Condorelli Belpassese e Feragnoli Terracina
Girone B: Roma, Catania e Bari
Girone C: Viareggio, Cervia e Derby Castrocaro
Girone D: Milano e Lamezia Terme

Programma gare e risultati

1^ Giornata Giovedì 2 giugno 2011
A: gara 1: Colosseum – Condorelli Belpassese 7-2
B: gara 2: Catania – Bari 5-1
C: gara 3: Cervia – Derby Castrocaro 2-3
A: gara 4: Feragnoli Terracina – Condorelli Belpassese 6-3
B: gara 5: Roma – Bari 6-2
C: gara 6: Viareggio – Cervia 8-6

2^ Giornata Venerdì 3 giugno 2011
A: gara 8: Feragnoli Terracina – Colosseum 4-3
B: gara 9: Roma – Catania 0-2
C: gara 10: Viareggio – Derby Castrocaro 6-4
D: gara 7: Milano – Lamezia Terme 8-3

Classifica girone A: Feragnoli Terracina 6, Colosseum 3, Condorelli Belpassese 0
Classifica girone B: Catania 6, Roma 3, Bari 0
Classifica girone C: Viareggio 6, Derby Castrocaro 3, Cervia 0

3^ Giornata Sabato 4 giugno 2011
Semifinali 1°-4° posto
Gara 11: Feragnoli Terracina – Viareggio h. 16:30
Gara 12: Catania – Milano h. 15:15
Gare per assegnazione 5°-8° posto
Gara 13: Colosseum – Derby Castrocaro h. 14:00
Gara 14: Roma – Lamezia Terme h. 11:15
Girone E 9°-11° posto:
Gara 15: Condorelli Belpassese – Cervia h. 10:00
Gara 16: Bari – Perdente 15 h. 17:45